You are here
Home > Il Territorio > La mulattiera da Oppido Lucano fino all'Egitto!

La mulattiera da Oppido Lucano fino all'Egitto!

   

[Particolare affreschi chiesa rupestre di S. Antuono, “Fuga in Egitto” sec. XIV.]

Il percorso, qui descritto, oltre che portare alla scoperta di un angolo dell’agro oppidese selvatico e suggestivo, antico luogo di passaggio di contadini, lavandaie, pastori e viandanti, conduce anche alla chiesa rupestre di “Sant’Antuono” (XIII/XIV sec d.C.) che è stata fondata da una comunità di monaci antoniani. Essa sorge in omonima contrada, all’interno di un’area di altre 19 grotte scavate nella gravina tufacea, e che dista meno di un Km dal centro abitato di Oppido Lucano.

[La Trecèdde]

Vi si giunge scendendo dal paese per mezzo di un’antica mulattiera pavimentata con pietra locale detta “Trecèdd”. Questa, come un serpente, si snoda lungo il pendio per arrivare a valle nei pressi di un ruscello e di un’antica fonte detta “fontana di Pezzédde”.

Si arriva così alla “chiesa rupestre di S. Antuono”, al cui interno, nella cripta, si trova un interessante e ben conservato ciclo di affreschi afferenti alla vita di Gesù Cristo. Le scene raffigurate si riferiscono in particolare al ciclo dell’Infanzia, fatta eccezione per la scena del Battesimo, e della Passione. Questa scelta di argomenti è abbastanza diffusa nella scuola riminese del trecento e trova riscontro nel mondo orientale, ove il ciclo della Natività e quello della Passione sono rappresentati con insistenza e si passa immediatamente dall’uno all’altro. Sono inoltre non pochi i riferimenti ai vangeli apocrifi e allo schema iconografico tipico della Cappadocia.

Gli affreschi presenti sono confrontabili con altre realtà esistenti nella regione Basilicata come S. Margherita di Melfi, e S. Biagio di Forenza, oltre che fuori regione come quelli presenti nella Chiesa di S. Biagio a S. Vito dei Normanni in provincia di Brindisi. Tuttavia gli affreschi di “S. Antuono”, appaiono diversi e caratteristici sia per il tratto orientaleggiante dei volti femminili e maschili, sia per i temi affrescati.

Top